TUTTO TRIVERO | Portale Turistico, Meteo, Scientifico su Trivero | Trivero on line. Web designer: Angelo Giovinazzo    

» home »1Santuario di San Bernardo » 2 Santuario della Brughiera


 
Santuari del Triverese, Cambiamenti Climatici e Chiese minori

- TRIVERO - Santuario di Nostra Signora della BRUGHIERA santuario della brughiera


Dice la tradizione popolare e viene trascritto negli atti comunali:

"Nei pressi di Bulliana a 810 m.s.l.m. al limite dei piani di Barbato, venne eretto il Santuario Mariano della Brughiera, dopo che nel 1500 la Madonna apparve ad una pastorella muta che a seguito di tale apparizione riacquistò la parola".

"Inizialmente sul luogo dell’apparizione venne creata una spianata per accogliere i fedeli che ben presto costruirono una prima cappella in onore della Madonna". Si trattava del primo embrione della Chiesa Antica. In realtà si tratterebbe solo di una tradizione, giacchè la costruzione della Chiesa antica sembra esser molto più antica..

Oggi il Santuario della Brughiera è costituito da due chiese che sono collegate alla borgata di Bulliana tramite una caratteristica Via Crucis composta da 14 stazioni. Le cappelle della Via Crucis vennero erette nel 1824, dipinte l’anno successivo dal pittore Avondo di Varallo e ritoccate nel 1879 da Antonio Ciancia (già autore di un pregevole affresco presso la Chiesa Matrice di Trivero).

La Chiesa piccola e più antica, sarebbe stata costruita attorno al 1500, ma pare piuttosto esser sorta, anche questa come il Santuario di San Bernardo, all'indomani della cattura di Fra Dolcino, proprio dove si erano accampate le truppe anti-dolciniane. Era già descritta negli atti del 1606 e pure in quelli del 1618, anno in cui la parrocchia di Bulliana a cui appartiene si costituì e si staccò da Trivero, ma in entrambi gli atti si dice semplicemente che il Santuario è assai più antico ma di costruzione incerta. Raccoglieva i dipinti votivi dei fedeli. L’altare in marmo finemente intarsiato ha forma di urna e risale al XVIII sec. In una nicchia viene custodita la statua lignea della Madonna risalente anche questa al Settecento. Il suo attuale portico è stato aggiunto e dipinto nel 1663 e tra gli altri raffigura San Lorenzo già patrono della vicina frazione di Bulliana a cui è dedicata la chiesa parrocchiale, venne restaurato nel 1821 nel 1889 e nel 1953..

La seconda chiesa, più grande, 22 metri di lunghezza per 15 di larghezza e 10 di altezza venne edificata a partire dalla fine del 1500 per contenere i numerosissimi pellegrini, sempre più numerosi, che non riusciva a contenere la Chiesa antica, venne ultimata a seguito dell’episodio delle “sparate”, una battaglia avvenuta il 23 marzo 1643 allorquando due processioni, una proveniente da Trivero e l’altra proveniente da Mosso si scontrarono dando luogo a scaramucce e risse accompagnate da sassaiole ed archibugiate.

Sin dall’apparizione della Vergine il santuario della Brughiera è stato conteso tra i comuni di Trivero e di Mosso che ancora oggi si dividono la frazione omonima. Si narra che proprio durante la battaglia, apparve in cielo ai fedeli la Vergine che raccolse tra le sue mani le palle dei fucili impedendone il ferimento dei contendenti.

Tra le opere di pregio della Chiesa grande la “tela delle sparate” dipinta sul finire del XVII sec. ad opera dubbia del pittore Pietro Lace, pittore che invece dipinse la navata centrale ed il presbitero. Sulla tela si può leggere una iscrizione che ricorda la battaglia delle "sparate": 1643, giorno della Nunciata, si spararono molte sparate senza offesa ad alcuno per miracolo di Maria Vergine". Sull’altare maggiore spicca una pregiata icona lignea mentre al centro della navata l’”Adorazione dei pastori” uno dei più pregiati ed interessanti dipinti conservati nel Biellese ad opera del pittore Cremasco Gian Giacomo Barbelli.

La sacrestia del Santuario ospita diversi arredi sacri ed un pulpito a pannelli intagliati di fattura Valsesiana risalente a fine seicento. Nello stesso periodo vennero realizzati la casa dell'eremita che ospitava il custode del Santuario ed alcuni alloggi a servizio dei pellegrini.

Negli anni recenti, dopo che è stato dichiarato di interesse diocesano è diventato il santuario più importante e frequentato del Biellese Orientale.

Un comodo e attezzato sentiero, collega questo complesso al Santuario del Mazzucco di Camandona, al vicino Santuario della Novareja di Portula ed al Santuario del Cavallero di Coggiola. Questo percorso di collegamento dei citati Santuari costituisce il percorso numero 5 del circuito detto "Le Valli della Fede", circuito escursionistico nato per valorizzare e far conoscere il percorso che San Carlo Borromeo (Arona 1538-Milano 1584), figlio dei proprietrari del Lago Maggiore, fatto Cardinale a soli 22 anni poi vescovo di Milano nel 1563, a soli 25 anni, quindi nominato dallo zio Papa Pio IV Arcivescovo di Milano tra il 1565 ed il 1584 data della morte, percorreva da Milano e dalla sua Arona a Biella ove era imparentato con la nobile famiglia biellese dei Ferrero.

Non si hanno notizie certe delle visite di San Carlo al Santuario della Brughiera, ma la sua abitudine di recarsi in ogni luogo della sua arcidiocesi che si estendeva da Milano alla Lombardia, dal Piemonte alla Svizzera-Veneto e Liguria, ma soprattutto la sua passione per il Sacro Monte di Varallo e gli altri Santuari oltre che per la Sindone di Torino, insieme con la sua abitudine di recarsi spesso in visita ai suoi parenti Ferrero di Biella, lasciano intendere che San Carlo abbia più volte fatto tappa nei Santuari minori del Biellese cui si ispira il circuito de "le Valli della Fede ". Lo stesso sentiero detto GTB un tempo costituiva la via della transumanza dei locali pastori. A ricordo delle antiche vie della transumanza tra Bulliana, il Monte Rubello e l'Alta Valsessera, alle falde del Monte Rubello ancora oggi sono visibili i muretti a secco costruiti dai pastori per delimitarne i percorsi.

Nei pressi del Santuario vi è un Albergo-Ristorante in cui è stato ricavato il salone polivalente del Santuario, dotato di 100 posti a sedere utilizzato per convegni ed incontri culturali ed una trattoria. Tra la Chiesa antica e la Chiesa nuova vi è una spianata erbosa detta "Chiesa all'aperto" anche questa nata, come la Chiesa nuova, per ospitare le celebrazioni più importanti che a sua volta la Chiesa nuova non è in grado di contenere.

Tra la Chiesa nuova ed il salone polivalente vi è una gradevole area pic-nic attrezzata con tavoli e barbecue oltre a servizi igienici mentre qualche centinaio di metri a monte del Santuario lungo il sentiero detto "GTB - Grande Traversata del Biellese" vi è un gradevole ostello con 18 posti letto.

Ostello e Sentieri del posto sono descritti nelle due sezioni di questo sito "dove dormire" e "aree di sosta per camper".

Tra le due Chiese una fontana, detta in dialetto locale "Burnel" è nota a tutti i Biellesi per le sue acque leggerissime e oligominerali. Un tempo la sua sorgente sgorgava seicento metri a monte del Santuario in località "Ciotta" ed era detta "Fontana Rada", oggi le sue acque intubate sono apprezzatissime dai Biellesi che usano recarsi al Santuario con bottiglie vuote per portarsi a casa la leggerezza dell'acqua del Santuario.

Santuario di N. S. della Brughiera
santuario_della_brughiera_trivero
Trivero - la Via Crucis della Brughiera
santuario_della_brughiera_trivero_viacrucis
Trivero - la Chiesa antica della Brughiera e Chiesa all'aperto
santuario_della_brughiera_trivero
Trivero - la Chiesa antica. Interno
santuario_della_brughiera_trivero
Trivero - la Chiesa antica - Altare
santuario_della_brughiera_trivero
Trivero - pannello illustrativo
santuario_della_brughiera_trivero

Santuario della Brughiera-"Burnel" Antichi crocifissi sulla chiesa antica Chiesa antica della Brughiera Chiesa antica della Brughiera Chiesa antica della Brughiera
santuario_della_brughiera_burnel_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero
Chiesa antica della Brughiera Chiesa antica della Brughiera Il salone polivalente della Brughiera Chiesa nuova della Brughiera logo "le valli della fede"
santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero santuario_della_brughiera_trivero_valli_della_fede
Nel prossimo capitolo:  CHIESE e ORATORI di TRIVERO    vai alla pagina successiva CHIESE MINORI
Pagina precedente    |   1   |   2  |   3   |       Pagina successiva